0
seguici su

Blog

Quanto tempo sopravvive il Coronavirus sulle superfici?
I virus possono restare attivi per diverso tempo dopo essere usciti da un organismo e prima di infettarne un altro. Per questo, oltre a evitare contatti ravvicinati e lavarsi bene le mani, è importante pulire le superfici degli oggetti che ci circondano.   La trasmissione attraverso superfici contaminate È possibile che il virus venga depositato sugli oggetti da un individuo infetto in maniera inconsapevole, sia attraverso starnuti e colpi di tosse non correttamente schermati, sia toccando le superfici dopo aver starnutito o tossito nella propria mano.  Per questo si consiglia sempre di starnutire e tossire nel proprio gomito. Le goccioline contenenti il virus depositate sulle superfici vengono poi raccolte da altri individui attraverso il contatto con le mani portate alla bocca, al naso e agli occhi anche a distanza di tempo.  Le superfici più esposte a questo genere di contagio comprendono, per esempio:            - le maniglie delle porte          - le pulsantiere degli ascensori           - i cellulari           - i sostegni per aggrapparsi sui mezzi pubblici.   Quanto resiste il nuovo coronavirus sulle superfici? La capacità del nuovo coronavirus di resistere nel tempo all’esterno degli organismi è ancora in fase di studio.  Informazioni preliminari, pubblicate in un recente articolo sulla prestigiosa rivista New England Journal of Medicine, suggeriscono che il virus può sopravvivere fino a 72 ore su plastica e acciaio, fino a 24 ore sul cartone e solamente 4 sul rame.  “L'arco temporale varia a seconda delle caratteristiche del tipo di superficie: quelle meno porose come la plastica e l’acciaio sono le peggiori perché assorbono meno facilmente le goccioline, preservando il virus attivo”, spiega ancora Elisa Vicenzi.  “Ma anche le diverse condizioni ambientali possono incidere: la quantità di areazione dei locali e l’umidità, per esempio.”   Come disinfettare le superfici  L’utilizzo di comuni disinfettanti è in grado di ridurre al minimo e annullare la capacità del virus di trasmettere l’infezione.  In particolare, si consiglia di pulire le superfici utilizzando:            - disinfettanti contenenti alcol al 75%;          - disinfettanti a base di cloro all’1%, come la candeggina. Il sistema più valido per ridurre il rischio di contagio rimane comunque il lavaggio delle mani, spesso e bene, con acqua e sapone e per almeno 20 secondi.  In ogni caso, soprattutto se non è possibile lavarsi le mani e ci si trova fuori casa – ad esempio al supermercato – è importante evitare di toccarsi la faccia con le mani, tenendole quindi lontane da naso, occhi e bocca.